In sospeso tra immaginazione e realtà, tra razionalità e fuga nell’astratto, la silloge esplora momenti di vita comune e luoghi intimi dell’anima. Le strofe, in prima battuta permeate di un senso di amaro scetticismo, a una lettura più approfondita rivelano il senso di una matura percezione del magnifico che si fonde con una genuina ammirazione per la natura ma anche per il  mistero dell’umana esistenza.   

 

 

 

 

 

 

Pag: 36

Autore: Francesco Di Giorgio

info:

redazione@amarganta.eu

 

manoscritti: manoscritti@amarganta.eu

Premio Letterario Oltre L'Arcobaleno
Amarganta non necessita di 
collaboratori 
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Associazione Amarganta Via Cotilia 8, 02100 Rieti - Via Garibaldi 189, 02100 Rieti