Nei primi mesi dell’anno 1849 Giuseppe Garibaldi, su ordine di

Mazzini, Armellini e Saffi del Triunvirato, si porta a Rieti col compito di creare la Legione Italiana della Repubblica Romana. Giunto in Città il 29 gennaio con 500 soldati a seguito, lascia Rieti il 13 aprile dello stesso anno con 1264 uomini. Il 23 ottobre del 1867, mentre si recava in Sabina per la campagna dell’Agro Romano Giuseppe Garibaldi, in compagnia della giornalista inglese Jessie White Mario e seguito dai suoi garibaldini, passa per Rieti per un breve saluto agli amici di un tempo: “Sono veramente fortunato di rivedere dopo circa vent’anni questa cara città, dove fui generosamente ospitato. Mi consola di vedere riuniti con tanta concordia di popolo ed esercito. Ciò è la garanzia di tutto; della vittoria. Andremo a Roma(…) Questo è il più bel giorno della mia vita (…) intanto addio… Vi saluto di cuore!” *

 

 

* Tratto dal libro “Rieti nel Risorgimento Italiano 1796-1870” ed. Trinchi 1911 - II edizione Faraoni 1967 – III edizione RiStampa Edizioni 2017

 

Una commedia in doppia versione, vernacolo reatino e italiano, ispirata al vissuto di Giuseppe Garibaldi a Rieti nel 1849, scritta in occasione del 170° della Repubblica Romana 9 febbraio 2019

Cartaceo su amazon: 13 euro

Premio Letterario Oltre L'Arcobaleno
Amarganta non necessita di 
collaboratori 

Iscrizione newsletter

Sentire il calore del sole in omaggio
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Associazione Amarganta Via Cotilia 8 02100 Rieti